chi siamo

La salute... viene mangiando: i comportamenti che aiutano ed i cibi da evitare

Aspetti dietetici e nutrizionali nei bambini affetti  da leucemia acuta o linfoma in trattamento chemioterapico

I bambini affetti da leucemia linfoblastica acuta (LLA) o linfoma sottoposti a trattamento chemioterapico sono normalmente in grado di nutrirsi autonomamente per avere la forza e l'energia sufficienti per svolgere un discreto livello di attività. Un discorso un po’ diverso è rappresentato dai bambini affetti da leucemia mieloide acuta che vengono invece sottoposti a cicli di chemioterapia a blocchi particolarmente intensi, oppure i bambini sottoposti a trapianto di midollo osseo. Questi pazienti trascorrono infatti gran parte del loro iter terapeutico in regime di ricovero dove eseguono una alimentazione controllata e spesso sono sottoposti a nutrizione parenterale totale (per via enodovenosa); essi hanno peraltro caratteristiche ematologiche ed immunologiche particolari per cui sarà loro riservato un articolo a parte.  In questo articolo cercheremo quindi di illustrare gli aspetti salienti della nutrizione dei bambini sottoposti a trattamento chemioterapico per LLA o linfoma.

Molti di questi bambini presentano in generale problematiche dietetiche o nutrizionali abbastanza limitate, poiché nel periodo intercorrente tra i diversi cicli di chemioterapia, si alimentano in modo più che adeguato, talora abbondante. A volte però, a causa di una scarsa o inadeguata nutrizione (causate dagli effetti collaterali della chemioterapia), alcuni di questi bambini possono perdere peso, rallentare la crescita rispetto ai coetanei e a volte risentire di stanchezza o irritabilità. Trattamenti come la chemioterapia e la radioterapia (quest’ultima usata comunque sempre meno) possono  causare frequentemente nausea, vomito, diarrea o costipazione nonché scarso appetito. Altri effetti collaterali della chemioterapia sono i difetti della masticazione e della deglutizione soprattutto  quando la bocca, la gola o l'esofago si irritano o si infiammano (effetti che si chiamano “mucosite”). Inoltre, il senso del gusto può cambiare a causa del trattamento a tal punto che il bambino può perdere l’interesse per il cibo ed anche arrivare a rifiutare i cibi una volta preferiti. In queste fasi può essere utile l’uso di latti delattosati che migliorano la digeribilità e l’assorbimento del latte. Se poi il numero di globuli bianchi diventa molto basso (il bambino si trova in fase di “aplasia” per usare un termine che i genitori imparano presto a comprendere), tali problematiche possono diventare più rilevanti (Analoghi suggerimenti possono essere peraltro utili anche per i pazienti affetti da anemia aplastica - una patologia ematologica caratterizzata da neutropenia grave e persistente - durante le varie fasi della terapia immunosoppressiva e soprattutto nei momenti di aplasia più profonda.)

In altri bambini si rileva invece la problematica opposta e cioè i bambini sentono il bisogno di nutrirsi in continuazione e per questo motivo aumentano di peso in maniera eccessiva. La principale causa di questo fenomeno è legata all’uso dei cortisonici, farmaci ampiamente utilizzati nel trattamento della LLA e dei linfomi. I cortisonici fanno trattenere acqua, fanno aumentare l'appetito e spingono l'organismo a produrre ed accumulare grasso a scapito di altri tipi di tessuto (per esempio di quello muscolare). La ridotta, a volte assente, attività fisica  rappresenta un altro importante fattore che può contribuire all’aumento progressivo del peso. L’uso dei cortisonici può determinare inoltre un aumento del livello degli zuccheri nel sangue (iperglicemia) con conseguenti disturbi aggiuntivi. In questi casi una dieta con pasti più frazionati, con più fibre e meno carboidrati semplici (lo zucchero comune) e complessi (pasta, pane, riso) aiuta a contenere il problema.

Qual’è la chiave per fare in modo che il bambino abbia un buon rapporto con i cibi? La chiave è essere flessibili, offrendo regolarmente il cibo preferito o facilmente tollerato e le bevande maggiormente gradite. Bisogna sempre ricordare ai bambini il ritmo alimentare (continuano ad esistere colazione, pranzo e cena) ma non è utile obbligarli, in particolare i bambini piccoli, che tendono in generale  a fare l'opposto di ciò che si vuole. Le ragioni che giustificano la necessità di una buona alimentazione possono infatti essere spiegate più facilmente ai bambini più grandi e agli adolescenti perchè sono in grado di comprendere meglio l’importanza del loro stato nutrizionale.

Va infine ricordato che mangiare è qualcosa di più che nutrirsi. Si tratta di un legame di interazione particolarmente importante per la famiglia. Per esempio, è importante continuare a rispettare le abitudini del pasto familiare che erano presenti prima della malattia come continuare a preparare il posto a tavola e avere il bambino seduto con la famiglia per i pasti (anche se deve/vuole mangiare qualcosa di diverso o non vuole mangiare del tutto in quel momento).

Occhio dunque ad una corretta alimentazione perchè nella cura della malattia dei vostri bambini va tenuta in conto anche questa.

 

Dr. Carmelo Rizzari

Responsabile Medico
Unità Operativa Ematologia Pediatrica

 

Per incoraggiare l’appetito

    1. Offrire il pasto comunque più volte al giorno, anche sotto forma di spuntini.
    2. Non proporre porzioni troppo abbondanti e cercare di far finire ciò che il bambino inizia a mangiare.
    3. Tentare di aggiungere ai comuni piatti degli alimenti ad alto livello nutrizionale (per esempio i biscotti o il cacao nel latte, il burro in vari alimenti, i prodotti contenenti latte o derivati), magari sciogliendoli o camuffandone il sapore.
    4. Proporre saltuariamente alcune bevande ipercaloriche (cioè i cosiddetti integratori alimentari ¬che sono di fatto cibi densi  ed ipercalorici e che non vanno confusi con gli integratori vitaminici) che si trovano in commercio in una notevole varietà di sapori (cioccolato, vaniglia, fragola ecc).
    5. Proporre i cibi – soprattutto gli zuccheri e le bevande energetiche – a temperatura relativamente bassa (freschi) o a temperatura ambiente, evitando i cibi troppo caldi perché irritanti.

Cosa è bene evitare

    1. Acqua o bevande di provenienza dubbia
    2. Latte o succhi non pastorizzati o formaggi derivati da latte non pastorizzato.
    3. The o Tisane alle erbe (tranne che vengano preparati con acqua bollente).
    4. Bevande che sono state aperte o preparate e lasciate a temperature ambiente per 1-2 ore.
    5. Alimenti avanzati da pasti precedenti (tranne che siano stati refrigerati entro 2 ore dalla preparazione e riscaldati poi a 75° o più).
    6. Formaggi contenenti muffe (gorgonzola); meglio inoltre evitare alimenti contenenti probiotici (fermenti, bacilli vivi ecc).
    7. Pesce  crudo o carne cruda sia freschi che conservati.
    8. Uova crude o poco cotte o preparati nei quali sono utilizzate uova crude (mayonnaise o tiramisù fatti in casa).
    9. Le verdure che non possono essere sbucciate.
    10. La frutta che non può essere sbucciata (per esempio fragole, lamponi, uva, ciliege).
    11. Frutta essiccata non cotta prima.
    12. Gelati non confezionati.
    13. Integratori o farmaci naturopatici (spesso contengono muffe).

A TUTTI I GENITORI E AI NOSTRI SOSTENITORI

Diffidate di persone sconosciute che chiedono denaro presentandosi di persona o al telefono a nostro nome.
Il Comitato Maria Letizia Verga non raccoglie contributi in questo modo.